Miniera ed Energia

30 Nov 2019

Le medaglie dei minatori: com’è finita la storia…

Tutto ha avuto inizio un anno fa con una fotografia e un appello sulla pagina Facebook del museo. La notizia fu ripresa anche dai giornali e in un lampo cominciò il viaggio. Jacqueline aveva ritrovato in una scatola un piccolo oggetto, ossidato e poco leggibile, era un ricordo conservato dal nonno. Appena ebbe ripulita la medaglia comparvero le incisioni: Società Mineraria ed Elettrica del Valdarno, Miniere di Castelnuovo. Sul fronte un numero 14552; sul retro la rappresentazione di una lampada, quelle in uso ai minatori. Nessuno nel territorio aveva mai sentito parlare delle medaglie dei minatori, benché fosse pratica diffusa in tante altre miniere. L’uso di questi oggetti pareva non aver legami con le miniere di Cavriglia, nemmeno i documenti conservati al museo ne facevano menzione. C’era da scavare.

29 Ott 2019

Miniere a cielo aperto a un passo da Firenze

Miniere a cielo aperto per estrarre la lignite. Si cominciò

30 Ago 2019

La lignite fu venduta anche alla “ Tramways Florentinis”

Ecco il trenino che parte e va, a San Giovanni

24 Lug 2019

La fedele amica dei minatori…

In quasi tutte le famiglie dei paesi della miniera esiste una silenziosa testimone dell’attività estrattiva: la lampada. Le lampade sono sopravvissute ammaccate e ingrigite dal tempo e adesso raccontano una storia, quella dei minatori che accompagnavano nel lavoro, illuminandone il percorso e i blocchi di lignite da scavare…

24 Apr 2019

La Fame di energia. Una centrale elettrica a Castelnuovo dei Sabbioni.

Non sono molti quelli che conoscono la storia della centrale

10 Mar 2019

Una volta si piantava Robinia per le miniere…

Anche per il mese di marzo abbiamo deciso di raccontare

Iscriviti alla nostra newsletter

orari
dal martedi al venerdi 10.00-13.00

sabato e domenica 10.00-13.00 15.00-18.00

chiuso lunedì

Aperto anche i giorni festivi ad eccezione di 01/01, 15/08, 4/11, 25/12, 26/12 e la domenica di Pasqua

lab culturali

Il progetto è realizzato grazie al contributo di Fondazione CR Firenze nell’ambito di “LABORATORI CULTURALI”, il Bando tematico che la Fondazione dedica ai musei toscani per contribuire alla realizzazione di progetti volti all’innovazione digitale e allo sviluppo di nuovi pubblici.